Forum Scuola di Maria

Sulla Vita Spirituale
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Antifone del "O" 17-23 Dicembre

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Jean
Admin
avatar

Numero di messaggi : 550
Localisation : Londra
Data d'iscrizione : 19.03.06

MessaggioTitolo: Antifone del "O" 17-23 Dicembre   Ven 19 Dic - 15:53

Carissimi,

Viviamo questi giorni, dal 17 al 23 di Dicembre il tempo forte dell'Expectatio, cioè dell'attesa, nella Madre, della Nascita del Bimbo.
Il Rito Romano, ma credo anche l'Ambrosiano, ci permette di raggiungere in modo molto particolare il Soffio stesso di Maria, nella sua Attesa. Maria riassume in se tutte le attese d'Israele, l'Antico e il Nuovo Israele, condensa nella sua pura Carità questa "aspirazione". Ad ogni Vespro, la sera, la Chiesa ha l'abitudine di cantare il Magnificat, il Canto di Maria. E, durante questo tempo dell'Expectatio, i Riti Romano e Ambrosiano, ci permettono di sposare i sentimenti di Maria e cosi, di chiamarLo, perché venga, di chiamare il Bambino Divino, affinché venga per salvarci.
Maria canta dolcemente una ninna nanna al Bimbo che è nel suo seno, e li esprime tutto il suo desiderio di vederlo finalmente. Lo chiama! Lo chiama con 7 diversi Nomi, l'uno più denso dell'altro. Queste chiamate sono caratterizzate da questi lunghi "O" che esprimono tutta la densità dell'attesa, della Potentissima Speranza di Maria.
Ecco quindi come il nostro "soffio" si presenta questi giorni, il nostro mormorio, sussurrio, ripetuto, il nostro "chiamare" il Signore, la nostra attesa, quando si plasmano in quelli di Maria.
E ovvio che queste "chiamate" possono essere usati negli altri tempi dell'anno liturgico per esprimere la nostra sete e il nostro desiderio del Salvatore, dicendoLi: O Salvatore, salvaci:


17 Decembris: "O Sapientia"

Per ascoltare: http://fr.youtube.com/watch?v=S6zaiZxJIpU&feature=related

O Sapientia,
quae ex ore Altissimi prodiisti,
attingens a fine usque ad finem,
fortiter suaviterque disponens omnia:
VENI ad docendum nos viam prudentiae.





18 Decembris: "O Adonai"

Per ascoltare: http://fr.youtube.com/watch?v=CvafrxZ_Ww4&feature=related

O Adonai,
et dux domus Israël,
qui Moyse in igne flammae rubi apparuisti,
et ei in Sina legem dedisti:
VENI ad redimendum nos in brachio extento.





19 Decembris: "O Radix"
Per ascoltare: http://fr.youtube.com/watch?v=VRzOsCF6gSw&feature=related

O Radix Jesse,
qui stas in signum populorum,
super quem continebunt reges os suum,
quem gentes deprecabuntur:
VENI ad liberandum nos, jam noli tardare.




20 Decembris: "O Clavis"

Per ascoltare: http://fr.youtube.com/watch?v=vbdwoydPktQ&feature=related

O Clavis David,
et sceptrum domus Israël,
qui aperis, et nemo claudit,
claudis, et nemo aperuit:
VENI, et educ vinctum de domo carceris, sedentem in tenebris, et umbra mortis.





21 Decembris: "O Oriens"

Per ascoltare: http://fr.youtube.com/watch?v=HAUzuw1l-7U

O Oriens,
splendor lucis aeternae,
et sol justitiae,
VENI, et illumina sedentes in tenebris et umbra mortis.





22 Decembris: "O Rex Gentium"

Per ascoltare: http://fr.youtube.com/watch?v=UwDdEQCtIF4&feature=related

O Rex Gentium,
et desideratus earum,
lapisque angularis,
qui facis utraque unum:
VENI, et salva hominem, quem de limo formasti.





23 Decembris: "O Emmanuel"

http://fr.youtube.com/watch?v=FWGM9bJR2Cs&feature=related

O Emmanuel,
Rex et legifer noster,
expectatio gentium,
et salvator earum:
VENI ad salvandum nos, Domine, Deus noster.


Ultima modifica di Jean il Ven 19 Dic - 21:56, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.amorvincit.com
Anna rita



Numero di messaggi : 220
Data d'iscrizione : 20.03.06

MessaggioTitolo: Attesa   Ven 19 Dic - 17:25

Davvero grazie, per Maria.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
emanuela

avatar

Numero di messaggi : 62
Data d'iscrizione : 04.04.06

MessaggioTitolo: Re: Antifone del "O" 17-23 Dicembre   Ven 19 Dic - 20:01

... sono senza parole per tanta immensa bellezza !
Grazie per aver condiviso con noi la Luce di questa Pietra Preziosa.
emanuela
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Jean
Admin
avatar

Numero di messaggi : 550
Localisation : Londra
Data d'iscrizione : 19.03.06

MessaggioTitolo: Re: Antifone del "O" 17-23 Dicembre   Ven 19 Dic - 21:54

Cosa notiamo in questi gridi, chiamate, inviti… aspirazioni, "aspettanze"? Finiscono sempre con un "Vieni"…
"O tu… Vieni"
Lo Chiama, li dà un Nome – spiega il Nome, le conseguenze di questo Nome – e poi lo chiama, lo attira, lo fa scendere, lo fa venire, dicendo VIENI.

Questo "VIENI" fa anche pensare al passo: "Oh, squarciassi tu i cieli e scendessi!" (Is 64,1) Ma fa pensare anche al bellissimo Cantico: "Rorate Caeli de super": "Stillate, o cieli, dall’alto, e le nubi facciano piovere la giustizia ! Si squarci la terra, fiorisca Il Salvatore".

Per ascolarlo, gustarlo, ed entrare dentro:
http://fr.youtube.com/watch?v=2koHk_RKfaw&feature=related

Ecco il testo:
Rorate caeli de super, / et nubes pluant justum

Ne irascaris Domine, / Ne ultra memineris iniquitatis: / Ecce civitas sancti facta est deserta: / Sion deserta facta est: / Jerusalem desolata est / Domus sanctificationis tuea et gloriae tuae, / Ubi laudaverunt te patres nostri.

Peccavimus, et facti sumus, / Tamquam immundus nos, / Et cecidimus quasi folium universi: / Et iniquitates nostrae: / Quasi ventus abstulerunt nos: / Abscondisti faciem tuam a nobis, / Et allisisti nos in manu iniquitatis nostrae.

Vide, Domine, afflictionem popoli tui, / Et mitte quem missurus es: / Emitte Agnum dominatorem terrae, / De petra deserti ad montem filiae Sion: / Ut auferat ipse jugum captivitatis nostrae.

Consolamini, consolamini, popole meus: / Cito veniet salus tua: / Quare moerore consumeris, / Quia innovavit te dolor? / Salvabo te, noli timere, / Ego enim sum Dominus Deus tuus, / Sanctus Israel, Redemptor tuus.


Cantico di una estrema bellezza teologica, spirituale e poetica e tutto di ispirazione Biblica.

"Oh, squarciassi tu i cieli e scendessi!" (Is 64,1) Chi lo dice veramente? "Fare piovere il Giusto", chi lo attira? "far fiorire il Salvatore" in chi ha luogo? Maria, Maria, Maria. Tutto si concentra in Maria, tutto si cristallizza in Maria. Maria sembra avere questa Potenza straordinaria di supplica, dovuta alla qualità della Sua Carità che la fa stare, abitare con coloro che abitano nelle Tenebre e nell'Ombra della Morte.
Questa nozione dell'essere nelle Tenebre e nell'Ombra della morte è importante. Perché mostra la misura straordinaria della Carità di Maria che seduce Dio e lo fa scendere. Lo seduce perché "fa come Lui": ama come se stesso. L'espressione (stare nelle Tenebre e nell'Ombra della morte) si trova nel cantico di Zaccaria ricordato da Maria: "grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, verrà a visitarci dall'alto il Sole che sorge dall'Alto per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell'ombra della morte e dirigere i nostri passi sulla Via della Pace" (Lc 1,78-79)

NB: Notiamo anche quanto le Antifone dell'O sono tutte impastate dalla Bibbia, e come in Luca, i primi due capitoli (che sono essenzialmente ricordi di Maria) sono anche loro impastati dall'AT. Maria è tutta impastata dalla Bibbia, dalla Cultura sua. Notiamo per esempio come l'espressione "Sole" (Astro dall'Alto) in Luca è ripresa nelle Antifone con l'espressione "O, Oriens".

Vediamo un po alcuni passi dai quali il testo ricordato da Maria, del Canto di Zaccaria, si ispira:

Is 9,1ss: "Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia. Gioiscono davanti a te come si gioisce quando si miete e come si gioisce quando si spartisce la preda. Poiché il giogo che gli pesava e la sbarra sulle sue spalle, il bastone del suo aguzzino tu hai spezzato come al tempo di Madian."

Is 42,7s: "Io, il Signore, ti ho chiamato per la giustizia e ti ho preso per mano; ti ho formato e stabilito come alleanza del popolo e luce delle nazioni, perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitano nelle tenebre."

Ps 107,10: "Abitavano nelle tenebre e nell'ombra di morte, prigionieri della miseria e dei ceppi …"

Is 59,8: "Non conoscono la Via della Pace…"

Dicevamo che Maria è "Omnipotens supplex". La sua capacità di supplicare, di attirare, di muovere Dio è onnipotente! Di per se essere onnipotente è un aggettivo proprio a Dio. Ma la Tradizione, è entrata in profondità nel Mistero di Dio e della Sua Economia, e ha scoperto che tra i protagonisti della Salevezza, dell'Azione di Dio, non c'è solo Dio! C'è un essere molto piccolo, ma molto grande agli occhi di Dio: Maria.
Nel libro del segreto dei segreti di Dio, viene detto: "Tu-mi-hai-rapito-il-cuore, o mia sorella sposa mia; tu mi hai rapito il cuore con un solo sguardo dei tuoi occhi, con uno solo dei monili del tuo collo." (Ct 4,9) (la realtà si trova anche in altri passi in questo libro) "Rapire": fare perdere i sensi! "Vulnerasti-cor-meum, soror mea, sponsa, vulnerasti cor meum in uno oculorum tuorum et in uno monili torquis tui." La Vulgata traduce "vulnerare", cioè "ferire", cioè riuscire a toccare, a raggiungere Dio, a buccare le nube e toccare Dio. L'Ebreo usa un solo verbo: lebabtini. "Lob" essendo tra altri significati il cuore. Quindi mi hai "rincuorato", mai anche, mi hai preso il cuore, mi hai toccato il cuore, il "lob".
La Bibbia quindi segnala il Segreto. Maria anche lo segnala per ben due volte al meno. L'Angelo, salutandola, li dice qualche cose di sconvolgendo: "hai trova grazia agli occhi di Dio" (Lc 1,30). Quindi li dice: hai sedotto Dio, e Maria ci dice questo a sua volta. Poi, riprende la cosa nel suo Magnificat dicendo: "Dio ha guardato l'abbassamento della sua serva"! Maria ha fatto un atto di abbassamento! Ma, secondo la Carità Divina, secondo quel "amare come se stesso" che caratterizza l'essere dell'amore divino, in che cosa consiste l'atto di abbassamento? Teresina dice che la caratteristica dell'Amore è di abbassarsi! Ma cosa significa? Sant'Agostino parla del "Peso dell'Amore", che lo fa scendere! L'abbassamento che Lei fa è appunto di andare ad abitare nel Paese delle Tenebre e dell'Ombra della Morte. Si puo' amare da lontano, ma si puo' anche amare con empatia, sposando i contorni di chi si ama, è un modo più perfetto quest'ultimo! Ed è quello che Maria ha fatto, si è immedesimata (questa bella parola della vostra lingua: immedesimarsi, che altri vi invidiano) con il Popolo che camminava nelle Tenebre e nell'Ombra della Morte, e ha gridato con loro dicendo: abbi pietà di noi Signore, vieni a salvarci! Quindi la famosa "intercessione" di Maria non è una intercessione "da lontano", ma di immedesimata, da una che ha sposato noi, da una che si è unita a noi.
Aveva coscienza di essere pura, … bah, perché farsi questa domanda! È importante? L'importante è di fare la cosa, non di pensarla! E Lei l'ha fatta! Lei, cantando questi "gridi" di "O"… le cantava con noi, noi che siamo nelle Tenebre, e nell'Ombra della Morte… ed ecco che cosi ha vinto il Cuore di Dio, l'ha fatto scendere, l'ha sedotto…

Entriamo nei sentimenti di Maria…
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.amorvincit.com
Anna Maria

avatar

Numero di messaggi : 93
Data d'iscrizione : 29.10.06

MessaggioTitolo: Re: Antifone del "O" 17-23 Dicembre   Sab 20 Dic - 7:13

Sì, Jean, grazie alle tue spiegazioni, ora possiamo entrare più facilmente nei sentimenti di Maria!
Nel nostro Rito, i giorni che vanno dal 17 al 23 dicembre vengono chiamati ferie prenatalizie de Exceptato, antica espressione ambrosiana traducibile con «dell’Accolto».
Guardando sul vocabolario, ho notato che il verbo latino excipere può essere tradotto con "ricevere, accogliere", ma ha come primo significato "trarre fuori, estrarre". Anche exceptare viene tradotto con "tirar fuori, tirare a sé, attirare a sé".
Alla luce dei tuoi insegnamenti, mi sembra quindi che l'espressione latina de Exceptato sia più ricca della sua traduzione italiana, dal momento che mette in evidenza non solo la capacità di Maria di accogliere il Salvatore, ma anche il suo potere di attirarLo.
Come tu dici, Maria ha "tirato fuori il Salvatore dal Seno della Trinità", ha "fatto uscire Dio da se stesso", ha attirato, sedotto Dio. E ha potuto fare questo grazie al suo Atto sublime di abbassarsi, di unirsi a noi immersi nelle tenebre e di chiamare con tutto il suo essere il Signore.
Maria piena di Dio, della Sua Carità, ha fatto gli atti di Dio, una serie di atti tremendi, di una Potenza straordinaria e così Dio è stato attirato da Colei che Gli assomiglia.
Grazie di cuore I love you per averci fatto scoprire questo!
A presto... in Maria
Anna
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Jean
Admin
avatar

Numero di messaggi : 550
Localisation : Londra
Data d'iscrizione : 19.03.06

MessaggioTitolo: Re: Antifone del "O" 17-23 Dicembre   Sab 20 Dic - 14:47

Grazie Anna per queste informazioni sul Latino e sulle possibile relazioni con cio' che dicevo.
Ma avevo letto che l'espressione originale era Expectatio e no Exceptato, e lo è diventata nell'uso per "scivolamento", per corruzione.
http://www.abbaye-saint-benoit.ch/gueranger/anneliturgique/avent/061.htm
dove dice:
"Il n'est pas étonnant qu'une dévotion si touchante se soit répandue, avec l'approbation du Siège Apostolique, dans la plupart des autres Provinces de la catholicité ; mais antérieurement aux concessions qui ont été faites sur cette matière, l'Eglise de Milan célébrait déjà, au sixième et dernier Dimanche de l'Avent, l'Office de l’Annonciation de la Sainte Vierge, et donnait à la dernière Semaine de ce saint temps le nom de Hebdomada de Exceptato, par corruption de Expectato."

Mi sembra che il momento prima del parto è un momento dove l'attesa di un bambino è intensa. E credo, che bisogna ritorinare alla semplicità della realtà e coglierla. Maria adesso, in questi giorni, aspetta con maggiore intensità, il bambino è aspettato ad ogni momento. Expectatio... del parto...

Le mie elucubrazioni aggiunte non vogliono togliere questo aspetto. Anzi, le prolungano solo, e spero, con rispetto.

Non essendo uno specialista di archeologia liturgica non posso dire gran che. L'unica cosa che ho cercato di fare, era di partire dai fatti della liturgia, e di cercare di risalire, con altri "strumenti" (teologia spirituale, mariologia, mariologia spirituale, esegesi, ecc), verso lo spirito dei momenti che viviamo... E' vero che è una "elucubrazione" mia ma per fare "elucubrazioni" valide e pubblicabili, si deve rispettare un insieme di punti/regole.

Grazie comunque, e forse i Specialisti della liturgia Ambrosiana potranno darci luci sull'origine della parola liturgica "exceptato" e del suo uso nella liturgia Ambrosiana. Tu conosci qualcuno no?

A presto
Jean
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.amorvincit.com
Anna Maria

avatar

Numero di messaggi : 93
Data d'iscrizione : 29.10.06

MessaggioTitolo: Re: Antifone del "O" 17-23 Dicembre   Mar 23 Dic - 3:39

Sì e per chi fosse interessato, segnalo il seguente articolo (del quale è possibile leggere solo il sommario al link indicato):

CESARE ALZATI
De Exceptato. Rivisitando una creazione della scientia Ambrosiana

http://www.seminario.milano.it/LostudiodellaTeologia/LaScuolaCattolica/2008/136-3%20Alzati.html

(Cesare Alzati, esperto studioso del rito ambrosiano e membro della Congregazione del medesimo rito, è professore ordinario di Storia della Chiesa all'Università di Pisa. Tra i suoi scritti figurano volumi dedicati alla Chiesa milanese e alla sua specifica tradizione. Per l’accurata ricostruzione della tradizione del Lezionario della Chiesa di Milano si è rivelata di straordinaria importanza l’ampia ricerca sulle fonti da lui promossa.)

Tutto questo però, come tu dici, non deve togliere niente alla semplicità e alla bellezza di questi giorni, ma solo aiutarci a entrare nel loro mistero con maggior intensità...

Buon Natale a tutti e a presto!
Anna
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Antifone del "O" 17-23 Dicembre   

Tornare in alto Andare in basso
 
Antifone del "O" 17-23 Dicembre
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» "Scadenza" formulari
» ..questo è raee "domestico" (pericoloso)?
» viaggio pianificato "saltato"
» [Primi passi] come capire se il "termometro" è vicino al frenulo?(della lingua ;) )
» VENDO: Ugo Foscolo - Pensare il "Bello" (di R.Cotrone)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Scuola di Maria :: Forum Scuola di Maria-
Andare verso: