Forum Scuola di Maria

Sulla Vita Spirituale
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 2) Preghiera del Cuore

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
Jean
Admin
avatar

Numero di messaggi : 550
Localisation : Londra
Data d'iscrizione : 19.03.06

MessaggioTitolo: Re: 2) Preghiera del Cuore   Dom 26 Giu - 20:53

Grazie Anna Maria per la tua risposta.

Mi colpisce sempre il fatto che ognuno guarda, e valuta le cose (incluso Medj), secondo la sua propria visione, cultura, formazione (o no) teologica.

"È tale la miseria della nostra condizione umana, che pensiamo che gli altri siano come siamo noi e li giudichiamo alla nostra stregua: in breve, il nostro giudizio si forma su ciò che siamo noi, non su ciò che sono gli altri. Così il ladro pensa che anche gli altri rubino; il lussurioso pensa che gli altri siano come lui; il malizioso pensa che gli altri siano maliziosi, venendo questo giudizio dalla sua malizia; l'uomo buono, invece, pensa bene degli altri, perché il suo giudizio parte dalla bontà che egli nutre in se. Colui che è negligente e trascurato, pensa che anche gli altri siano così."
Di chi è questo testo? Ecco il paragrafo seguente:
"Per questo, quando siamo negligenti e trascurati di fronte a Dio, ci sembra che Dio dorma e ci trascuri, come si legge nel salmo in cui Davide dice a Dio: Svegliati, perché dormi Signore? Destati! (Sal 43 [ 44],24). Attribuisce a Dio ciò che vede negli uomini, mentre sono questi addormentati e scoraggiati. Pregano Dio di alzarsi e di svegliarsi, mentre invece non si addormenta e non prende sonno il custode d’Israele (Sal 120[121],4).
" (S Giovanni della Croce, Fiamma Viva, IV,8 )

è individualista il Monaco chiuso nel suo monastero? Ovvio di no! E' contro la Parrocchia? Ovvio di no! Fa' solo uno sforzo morale, ascetico? Ovvio di no! avere vita spirituale fà di noi degli individui chiusi? ovvio che deve essere il contrario se no sarebbe dubbiosa questa "vita spirituale"!

Ma la Parrochia, l'Apostolato, e tutto quanto, quanto vale senza vita spirituale profonda (alla quale Maria ci invita a Medj)? senza relazione personale con Cristo? Ecco la mia perplessità. Vale poco, e anzi meno di niente dice san Giovanni della Croce.

"2. Occorre notare che, fin quando l'anima non ha ancora raggiunto questo stato d'unione amorosa, le conviene esercitare l'amore sia nella vita attiva che in quella contemplativa.
Ma una volta raggiunto tale stato, non è opportuno che si occupi di altre opere e attività esteriori che le possano impedire, anche minimamente, quella presenza d'amore in Dio, per quanto possano essere molto utili al servizio di Dio. Difatti è più prezioso agli occhi di Dio ed è più utile alla Chiesa un briciolo di quest’amore che tutte le altre opere messe insieme, quantunque sembri non faccia nulla.
Per questo Maria Maddalena, sebbene con la sua predicazione facesse molto bene, come di fatto ne fece molto in seguito, tuttavia per il grande desiderio di riuscire gradita al suo Sposo e di giovare alla Chiesa si nascose per trent'anni nel deserto, per dedicarsi interamente a quest'amore, convinta che in tal modo avrebbe giovato di più; un pizzico di quest'amor, infatti, giova e serve moltissimo alla Chiesa.

3. Se dunque un'anima avesse un po' di quest'amore solitario, si farebbe un grave torto a lei e alla Chiesa se la si volesse, anche per poco, occupare in cose e attività esteriori, per quanto molto importanti. poiché Dio scongiura che non la sveglino da quest'amore, chi oserà farlo senza esserne rimproverato? In fondo, siamo stati creati per questo fine d'amore.
Prestino bene attenzione, allora, le persone molto attive, che credono di abbracciare il mondo con la loro predicazione e le loro opere esteriori. Pensino che gioverebbero di più alla Chiesa e riuscirebbero più gradite a Dio se, a prescindere dal buon esempio che darebbero, impiegassero almeno metà del loro tempo nello stare con Dio in preghiera, anche se non avessero raggiunto un grado così elevato di preghiera come quello descritto qui. In questo caso otterrebbero di più - e con minor fatica - con un'opera sola anziché con mille, per il merito della preghiera e per le forze spirituali che in essa si acquisiscono. In caso contrario, sarà come battere l'aria o fare poco più che nulla, a volte proprio nulla o addirittura si reca danno.
Dio non voglia che il sale cominci a diventare insipido (Mt 5,13; Mc 9,50; Lc 14,34-35). Così, quanto alle persone molto attive, anche se esternamente sembrerà che facciano qualcosa, in sostanza non faranno nulla, poi che è certo che le opere buone non si possono compiere se non in virtù di Dio.

4. Oh, quanto si potrebbe scrivere qui su tale argomento!"
(Cantico Spirituale B,29)

Dopo aver letto queste osservazioni di S Giovanni della Croce, si capisce che qualche cosa di importante è da fare nella "Formazione Teologica" di oggi.
Basta leggere il famoso piccolo trattato sul rapporto tra crescita spirituale (crescità dell'Amore) e apostolato, che si trova alla fine di "Voglio vedere Dio" del P Marie Eugène. E' GENIALE e Profetico.

Ecco cio' che dice il Catechismo:

"« Grande è il mistero della fede ». La Chiesa lo professa nel Simbolo degli Apostoli (parte prima) e lo celebra nella liturgia sacramentale (parte seconda), affinché la vita dei fedeli sia conformata a Cristo nello Spirito Santo a gloria di Dio Padre (parte terza). Questo mistero richiede quindi che i fedeli credano in esso, lo celebrino e di esso vivano in una relazione viva e personale con il Dio vivo e vero. Tale relazione è la preghiera." (CCC 2558)

No comment.

grazie
abbraccio
Jean
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.amorvincit.com
Jean
Admin
avatar

Numero di messaggi : 550
Localisation : Londra
Data d'iscrizione : 19.03.06

MessaggioTitolo: Re: 2) Preghiera del Cuore   Mar 8 Mag - 21:35

Sacro cuore, il cuore umano

Il Cuore umano è un luogo sacro, un Sacro Cuore: il tempio del Signore. Molte cose sporche vi dimorano. Noi non vigiliamo sul nostro cuore (tuttavia vigilare è importante, ed è compito dell’esame di coscienza farlo).
È importante vigilare sulla pulizia del nostro Tempio, il nostro cuore, sull’ordine nel nostro Tempio. Questo è il primo obbligo della coscienza, il primo criterio nell’Esame di Coscienza: vedere se noi seguiamo costantemente il movimento dello Spirito Santo.
Il «movimento dello Spirito Santo» è un movimento che ci strappa da noi stessi e ci getta in Dio Trinità. Lo Spirito Santo è la Mano di Dio, che ci invita a «salire» in lei e a lasciarci trascinare dal Movimento Costante che Egli È. Lo Spirito Santo è in costante movimento, è un Vento, un Vento che costantemente soffia verso la Trinità. Stendiamo la Vela del nostro cuore ed esponiamola al Vento dello Spirito, affinché Egli ci trascini verso la Trinità, affinché Egli ci introduca nella Trinità.
Lo Spirito Santo è come la Persona della Trinità che «esce» dalla Trinità, per venire a prenderci e trascinarci verso la Trinità, introdurci in Lei.

Nel nostro esame di coscienza, c’è un Comandamento da verificare di cui troppo spesso ci dimentichiamo e tuttavia questo è il Primo di tutti i comandamenti: « tu amerai il tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua energia e con tutti i tuoi pensieri». Noi non sappiamo però in concreto come metterlo in pratica.

Per prima cosa, prendiamo coscienza che il nostro cuore è un luogo sacro fatto da Dio, a immagine e somiglianza di Dio, per essere la Dimora unica del Dio unico. Il nostro cuore è SACRO.
Tutto ciò che non è Dio nel nostro cuore è di conseguenza una cosa «sporca», un idolo nel nostro cuore.
«Tutto» il nostro cuore deve essere dato a Dio, deve appartenere a Dio e a nient’altro (o «ad altre cose insieme a Dio», perché a noi piace unire nel nostro cuore la capra e il cavolo: Dio e altre cose o esseri). (Questa è l’affermazione fondamentale di san Giovanni della Croce all’inizio della Salita del Monte Carmelo.)

Di fatti, il Primo Comandamento dice: «tu amerai il tuo Dio con tutto il tuo cuore» e non tu amerai «il tuo Dio e il tuo prossimo» con tutto il tuo cuore. Dice anche: tu amerai il tuo Dio «con tutto il tuo cuore» e non con la metà del tuo cuore (e di conseguenza l’altra metà apparterrà al prossimo).
Mettere il Primo Comandamento in pratica (e questo è il primo criterio vivente del nostro Esame di coscienza), vale a dire: «amare Dio con tutto il proprio cuore», significa:
1- dare tutto a Dio, o anche, tenere tutto ciò che non è Dio al di fuori, nelle mani di Dio, e poi
2- dare se stessi a Dio
3- e infine dare Dio agli altri.

Lo Spirito Santo, il Dono di Dio, che procede dal Padre e dal Figlio, è un Soffio Potente, Teologale, vale a dire che ci trascina verso la Trinità. «Teologale» vuol dire: che collega direttamente a Dio.
Lo Spirito Santo è una Corrente potente, une cascata d’Acqua molto potente, che ci trascina al suo passaggio – se uno ci si getta – verso Dio stesso.
Lo Spirito Santo è costantemente in movimento (questa è la sua natura): movimento da «là dove noi siamo» a «là dove Dio è».
È un grande Fuoco che attira tutto verso l’alto e trascina tutto verso l’alto. Tutto quello che ci si mette, è bruciato e trasformato, trascinato verso Dio e introdotto in Lui.
È il movimento stesso dell’Amore. È «trascinamento verso», è «slancio sacro verso». Prende quello che è fuori da Dio e l’introduce in Dio. È per questo che si chiama «Santo». È il Santificatore, vale a dire che da «fuori di Dio» egli eleva «in Dio», Egli introduce in Dio. Egli è l’introduttore. Introducendoci in Dio, Egli comunica la Vita di Dio: ci Vivifica della Vita stessa di Dio.

- Cosa dobbiamo fare di fronte allo Spirito Santo? – Gettarci nella sua corrente, vale a dire lasciare che ci prenda e ci introduca in Dio. Abbandonarci a Lui, affidargli tutte le chiavi del nostro essere e lasciare che agisca. Quando egli agisce, c’è una sola cosa che sa fare e che Egli fa (dal momento che è l’Amore, la Persona dell’Amore): ci trascina e ci introduce nel cuore della Trinità, all’interno della Trinità.

- Come sbarazzarci di tutto ciò che non è Dio? – Amando. Vale a dire dando tutto a Dio, dando noi stessi a Dio e dando Dio agli altri.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.amorvincit.com
 
2) Preghiera del Cuore
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Vai alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» preghiera san cipriano
» PREGHIERA SARDA CONTRO IL MALOCCHIO
» PREGHIERA PER TROVARE LA STRADA GIUSTA
» Sibille Lenormand:24 Cuore
» Preghiera a San Cipriano per farsi amare

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Scuola di Maria :: Forum Scuola di Maria-
Andare verso: